Crea sito


29
Giu 13

Siamo 15 operai di Vibo Valentia su un silos a 85 mt. Ci licenziano per spostarsi al Nord

998344_416921571755960_270265165_nRaccogliamo e volentieri diffondiamo:

Siamo 15 operai dell’Italcementi di Vibo Valentia da 2 giorni ci troviamo a 85 mt sopra un silos perché l’azienda ha deciso di chiudere i battenti lasciando in mezzo alla strada 82 padri di famiglia. Questa scelta, dicono, è dettata dalla crisi del settore che è peggiorata. Intanto però la stessa azienda spende 150 milioni per la costruzione di una nuova cementeria a Rezzato (BS). Questa è la nuova politica antimeridionalista delle aziende che stanno adottando sulla scia di Marchionne e la Fiat che stanno chiudendo solo stabilimenti al sud. Condividete la notizia. Anche se sembra una sciocchezza, questo darà risalto alla ns lotta fuori dai confini calabresi. RINGRAZIAMO di cuore tutti quanti faranno questo piccolo gesto di GRANDE valore.

Gli operai Italcementi di Vibo Marina


29
Giu 13

Marchio Campania, la Regione difende l’identità culturale

«La Campania sarà un marchio registrato: questo strumento ci permetterà di difendere l’identità culturale, territoriale e produttiva della nostra regione e di perseguire nuove strade in termini di promozione e sviluppo sociale ed economico».

Così l’assessore alle Attività produttive della Regione Campania Fulvio Martusciello per   promuovere e valorizzare l’offerta delle attività produttive regionali nel mondo.

L’articolo:

Marchio Campania, la Regione difende l’identità culturale.


29
Giu 13

Fiat di Pomigliano, medaglia d’oro per il World class manufacturing

Ecco le eccellenze meridionali, sempre sul filo del rasoio. Ecco l’umanità e la bravura degli operai Fiat di Pomigliano che si aggiudicano un nuovo riconoscimento. Nonostante tutto. Nonostante i licenziamenti e le minacce di chiusura. Il lavoro,la qualità, e le capacitè degli operai campani, alla fine pagano.

Il professor Hajime Yamashina ha comunicato alla direzione dello stabilimento Fiat di Pomigliano d’Arco (Napoli) ‘Giambattista Vico’ il conseguimento della medaglia d’oro per il World class manufacturing.

Il World class manufacturing qualifica molti tra i più importanti costruttori di beni e servizi mondiali.

A renderlo noto è il segretario generale Uilm Campania Giovanni Sgambati. Yamashima ha visitato oggi lo stabilimento accompagnato a sorpresa dall’amministratore delegato Fiat Sergio Marchionne, che ha avuto modo di salutare i lavoratori sulle linee di montaggio, ringraziandoli per i recenti due sabati di lavoro decisi per far fronte al picco di domanda per la Panda. (fonte il Mattino)

Lo stabilimento campano già nel 2012 si era aggiudicato l’“Automotive Lean Production 2012” nella categoria Oem, dopo un processo di analisi e valutazione da parte di una commissione di esperti selezionati dal magazine tedesco “Automobil Produktion” e dalla società di consulenza Agamus Consult.

Putroppo, su tutto il Sud, incombe ancora la maledizione di Bombrini…


29
Giu 13

Tumori in Campania? Ma imparate stili di vita più sani, piuttosto!

 

Popolo campano e napoletano, popolo della terra dei fuochi, è ora di dire basta al vittimismo che ti affligge e di cui sei protagonista.

Basta con le lamentazioni sulla incidenza di tumori più alta della media nazionale, nella tua terra! Basta con le lamentazioni sui rifiuti tossici e sull’amianto a cielo aperto! Basta con le critiche sui fanghi tossici provenienti dalle aziende padane e che da anni contamina i tuoi frutteti e le tue bufale!

Basta con questi preti che vogliono fare i salvatori della cittadinanza, pensino a dire messa,  e soprattutto assumi stili di vita più sani e consoni ad un popolo civile.

Se credi che il cancro dipenda dalla diossina che respiri da mattina a sera, pensa a fumare meno sigarette..

Se credi che dipenda dall’amianto che inali, prova a chiederti se non è forse a causa dei “puparuoli mbuttunati” o del panuozzo di gragnano  o del tarallo nzogna e pepe o del micidiale per e o muss acquistato nella caotica Montesanto, che ti ammali di cancro.

Lo ha ribadito anche il nuovo ministro Lorenzin: “C’è un comitato al ministero per lo studio delle aree con maggiore criticità, ma bisogna non lasciarsi suggestionare e attenersi all’evidenza scientifica che viene da questi studi. Ci sono altre questioni sanitarie in queste zone che dipendono anche dagli stili di vita dei campani“.

Quindi assumi stili di vita più morigerati, del resto che vuoi che sia qualche migliaia di tonnellate di scorie tossiche sotto al tuo deretano su, non esageriamo. Al massimo sarà qualche blatta ad ucciderti.

 


29
Giu 13

Petrolio, anche Bloomberg si dedica all’oro nero lucano

Gli occhi del mondo sulla Basilicata. O meglio, i tentacoli. Che il petrolio lucano faccia gola a molti è per noi cosa risaputa. Lo testimonia la pioggia di permessi di ricerca che, con cadenza quasi settimanale, arriva negli uffici della Regione. Per capire però quanto la nostra regione ricopra ormai un ruolo di primo piano nello scacchiere delle più grandi compagnie petrolifere del pianeta, non può sfuggire l’ampio servizio che Bloomberg, la “bibbia” dell’informazione finanziaria mondiale, ha dedicato recentemente alle estrazioni petrolifere in Basilicata. Un reportage, a firma di Alessandra Migliaccio, che si sofferma sui futuri piani di Eni e Total ma anche sul ruolo della Basilicata, definita «un’arma per combattere la recessione» che sta colpendo l’Italia. Il riferimento è alla riserva di “oro nero” custodita nelle proprie viscere e che supererebbe il miliardo di barili.

L’articolo:

Petrolio, anche Bloomberg si dedica all’oro nero lucano.


28
Giu 13

Selex (Finmeccanica),licenzia e si sposta al Nord

Più volte dalle pagine di questo blog, abbiamo “illustrato” di come il gruppo Finmeccanica, per ragioni di natura più “politica” che strategica, abbia scelto di chiudere tutti gli stabilimenti del  Sud e spostarsi al Nord.

A titolo di esempio, di una vicenda che comunque si inserisce in questo filone, giusto per rinfrescarvi la memoria:

Oggi rimbalzava sui social network un sintesi piuttosto esaustiva di quanto sta avvenendo in Selex, del gruppo Finmeccanica, a firma di Sabrina Pillot, leggete:

Mi è stato chiesto si sintetizzare quello che sta accadendo in SELEX ES, visto da un lavoratore del Sud. Il 1 gennaio 2013 tre aziende Finmeccanica diventano una sola, con 18.000 dipendenti. Il centro del potere si sposta da Roma all’asse Genova-Nerviano (MI). Senza aver ancora verificato le mansioni di ognuno, la Direzione Aziendale dichiara oltre 1000 esuberi e la necessità della Cassa Integrazione. Tutte le Istituzioni regionali eccetto la Campania scendono in piazza con i lavoratori perché venga riconosciuto il valore strategico dei rispettivi stabilimenti. Giugliano, centro di Eccellenza per il Post-Vendita, non è difeso da nessuno, se non dai suoi lavoratori. Siamo tutti altamente specializzati e potremmo lavorare ovunque, ma abbiamo scelto di restare in Campania per non depauperare il nostro territorio e dare ai nostri figli un futuro nella terra in cui sono nati.

Vicino a loro. Incondizionatamente

 


28
Giu 13

L’Istat: in Calabria è record di migrazioni Si torna a partire verso le regioni del Nord

Una emorragia che dura da 150 anni. Territori che perdono le proprie intelligenze e la capacità di “risorgere”.

E’ la Calabria la regione italiana da cui si emigra di più: il tasso migratorio interno è, infatti, del -4,2 per mille, il più alto delle regioni. Il dato emerge dal “Bilancio demografico nazionale” dell’Istat, presentato oggi, nel quale si evidenzia che cresce la popolazione, visto che il 31 dicembre 2012 risiedevano in Italia 59.685.227 persone, di cui più di 4milioni e 300mila (7,4%) di cittadinanza straniera. Nel corso del 2012 la popolazione è cresciuta di 291.020 unità (+0,5%). Il movimento naturale della popolazione ha fatto registrare un saldo negativo di circa 79 mila unità. In particolare, sono stati registrati più di 12 mila nati in meno rispetto all’anno precedente e circa 19 mila morti in più.

Il movimento migratorio con l’estero nel 2012 ha segnato invece un saldo positivo pari a circa 245 mila unità. Il movimento migratorio, sia interno sia dall’estero, è indirizzato prevalentemente – spiega l’Istat – – verso le regioni del Nord e del Centro.

L’articolo completo:

L’Istat: in Calabria è record di migrazioni Si torna a partire verso le regioni del Nord – IlQuotidianodellaCalabria.


28
Giu 13

«Abbonamento negato», società brindisina discriminata a Bolzano

 

A volte il confine tra scelta professionale è discriminazione, soprattutto a certe latitudini, è molto labile.

Un contratto privato, tra la società editrice del maggior quotidiano in lingua tedesca diffuso in Trentino, Dolomiten, e una società di Bolzano, impedisce a imprenditori brindisini di lavorare proprio nella regione autonoma. I sanvitesi proprietari della società di comunicazione Sandei hanno vinto, lo scorso marzo, il bando di gara della Provincia di Bolzano per il servizio di rassegna stampa dell’ente, battendo l’unica altra società partecipante, una società del luogo. Quest’ultima, però, ha un contratto di esclusiva con il quotidiano Dolomiten che non autorizza altri ad «estrarre», cioè fotocopiare e inserire nella rassegna, alcun loro articolo. Che si tratti di un pregiudizio o di scelta professionale, il risultato è che la Sandei Communication è stata inibita a utilizzare il materiale giornalistico e, dunque, a ottemperare al servizio richiesto nel bando di gara che ha vinto. L’asta a ribasso ha visto la partecipazione di due sole società: quella di San Vito dei Normanni e quella bolzanina che ha perso e che, prima della gara, svolgeva per l’ente lo stesso servizio.

L’articolo:

«Abbonamento negato», società brindisina discriminata a Bolzano – Corriere del Mezzogiorno.


28
Giu 13

Moto prodotte in Lombardia? Niente bollo

Niente bollo per chi acquista ciclomotori e motoveicoli prodotti prevalentemente in Lombardia. La proposta è in un emendamento del presidente della commissione regionale Attività Produttive Angelo Ciocca (Lega Nord) approvato con i voti di Pdl, Lega Nord e Movimento 5 Stelle nell’ambito della discussione del Piano regionale di sviluppo (relatore Carlo Malvezzi, Pdl).

Il testo, che ora andrà al vaglio della Commissione Bilancio, e successivamente al voto in Consiglio, propone il “no bollo” per le moto made in Lombardia con l’obiettivo di “sostenere le imprese lombarde, favorire gli investimenti sul nostro territorio, alleviare la pressione fiscale sui cittadini, promuovere la mobilità su due ruote e quindi migliorare la qualità dell’aria”.  

Ci auguriamo a questo punto che analogo provvedimento possa riguardare settori specifici ed eccellenze anche di altre regioni. Abbattiamo l’iva sulla mozzarella dop ad esempio, o sulla pasta pugliese o, ancora, sulle auto prodotte a Pomigliano.

Se il principio è la sostenibilità ambientale è l’acquisto a km0, allora sgraviamo perchè, ancora, aboliamo l’Iva sui succhi di frutta prodotti da agrumeti siciliani o calabresi (anzichè ricorrere all’UE contro una legge regionale della regione Calabria che andava in tal senso)

Oppure abbassiamo la Rc Auto  ed il costo della benzina, laddove, al Sud, costano il quadruplo rispetto alle città lombarde.

L’articolo completo:

Moto prodotte in Lombardia? Il «no bollo» fa un primo passo – Cronaca – L’Eco di Bergamo – Notizie di Bergamo e provincia.

 


27
Giu 13

Riccardo Laconi, 13 anni, esame di terza media in lingua sarda

Ha 13 anni ed è già un esempio di identità ed amore per la propria terra.

Si chiama Riccardo Laconi, ha 13 anni ha dato l’esame di terza media tutto in sardo ed è stato promosso a pieni voti.

La sua storia ha commosso la Sardegna. Riccardo, brillante in tutte le materie, ha utilizzato la lingua della sua terra per parlare di bioedilizia, case campidanesi in terra cruda e sviluppo ecocompatibile.

Orgogliosa la preside: ”Abbiamo tante eccellenze nella scuola – sottolinea Graziella Artizzu – Riccardo si e’ distinto anche per i suoi molteplici interessi che vanno oltre le attivita’ didattiche”.

L’imprenditrice della green economy e pluripremiata Daniela Ducato, alla quale il ragazzo ha dedicato parte della tesina, ha voluto regalargli un libro con una dedica speciale: ”Caro Riccardo, sei per noi sardi simbolo di orgoglio e di speranza”.