Crea sito

Booq: a Palermo nasce la prima bibliofficina occupata

Settemila volumi da condividere. Sono a Palermo, nei locali di Booq, la prima bibliofficina occupata. Siamo nel centro storico di Palermo in vicolo della Neve all’Alloro.

Condividere libri e sapere, ma anche riqualificare luoghi ed educare la gente al riuso e al riciclo.

In un comunicato, riportato da Sicilia Informazioni si legge: “Palermo oggi è una città disgregata. I pochi luoghi di elaborazione culturale e di aggregazione sociale si vanno spegnendo uno dopo l’altro, lasciando il posto all’incuria,alla desolazione e alla speculazione. Palermo è una città che procede per proclami, che si candida a capitale europea della cultura e che erige simulacri di rassicurante cambiamento, illudendosi in questo modo di occultare le macerie di una città che crolla. Un’insopportabile retorica chiama partecipazione la costruzione programmatica del consenso, mentre ignora e zittisce ogni autonoma forma di dissenso”

Ed ancora:

“Ma la città – si legge ancora – è ancora attraversata da solide barriere culturali: interi pezzi di cittadinanza non trovano un terreno comune di incontro e di comunicazione, le precarie condizioni economiche di una larga parte della popolazione generano marginalità culturale e sociale, i bisogni basilari della gente (casa, lavoro,educazione, integrazione sociale) restano ben lungi dall’essere soddisfatti. Ma tutto sembra scorrere senza lasciare traccia, e Palermo è una città a misura di nessuno”.

E conclude:

“Booq non vuole offrire un servizio alla città, – scrivono gli autori del progetto – vuole essere spazio di condivisione a partire dal quale costruire una città diversa. Vuole essere un spazio di resistenza: vuole contribuire a creare connessioni tra persone, libri e idee, restituendo a questa città un luogo pubblico altrimenti inutilizzato. Vuole essere un luogo per i libri, uno spazio di socialità, una sala di lettura, uno spazio di coesione sociale,un luogo di studio individuale e collettivo, uno spazio in cui scambiare e far rivivere oggetti, idee, desideri. Booq vuole raccontare mille storie e mettere in discussione la narrazione della città immutabile e sovrapporre, dove ieri c’era il gattopardo, un nuovo libro tutto ancora da scrivere”.

 

Tags: ,

Comments are closed.