Crea sito

La teoria delle finestre rotte: vi ricorda qualcosa?

Vi riporto la teoria delle finestre rotte, tratta da Wikipedia.

Diciamo che da un certo punto della storia dei nostri territori, in avanti, si può tranquillamente applicare questo modello.

Ecco perchè contrastiamo da sempre chi, artatamente, cerca di umiliare e distruggere con i luoghi comuni e gli stereotipi, la nostra gente ed i nostri territori.

Questi, semplicemente, vogliono che le nostre finestre restino rotte. Per sempre. E con la monnezza sepolta ovunque.

Con l’espressione teoria delle finestre rotte si indica quella particolare forma di gestione del territorio secondo cui non vengono tollerate le piccole trasgressioni che, se trascurate (e non corrette e/o sanzionate subito), potrebbero generare fenomeni di emulazione.

La teoria proviene dall’esempio – appunto – della finestra rotta: se in un quartiere un teppista spacca una finestra, e nessuno la aggiusta, è molto probabile che ben presto qualcun altro faccia lo stesso se non peggio, dando così inizio ad una spirale distruttiva.[1]

Ovviamente la teoria se applicata “al contrario” si associa al concetto del “dare il buon esempio”. Le persone tendono ad adeguarsi, avvicinarsi, preferire situazioni, persone o luoghi a loro stessi affini e se impossibilitati a scegliere tendono a cambiare per uniformarsi. Per cui creare un ambiente di un certo tipo: con finestre rotte, per esempio, porta la comunità attigua a distruggere, un ambiente invece ben curato porta la comunità (anche quella non naturalmente “curata”) a curare l’ambiente che la circonda. Estendendo il concetto ai comportamenti: una persona aggressiva porterà i “vicini” ad essere aggressivi, una costruttiva stimolerà gli altri ad esserlo altrettanto e così via.

Nel 2007 e nel 2008 Kees Keizer e i colleghi della Università di Groningen hanno condotto una serie di esperimenti controllati per determinare se l’effetto del disordine esistente (come la presenza di rifiuti o graffiti) avesse aumentato l’incidenza di criminalità aggiuntive come il furto, il degrado o altri comportamenti antisociali. Hanno scelto diversi luoghi urbani successivamente trasformati in due modi diversi ed in tempi diversi. Nella prima fase “il controllo”, il luogo è stato mantenuto ordinato, libero da graffiti, finestre rotte, ecc. Nella seconda fase “l’esperimento”, esattamente lo stesso ambiente è stato trasformato in modo da farlo sembrare di proposito in preda all’incuria e carente di alcun tipo di controllo: sono state rotte le finestre degli edifici, le pareti sono state imbrattate con graffiti ed è stata accumulata sporcizia. I ricercatori hanno poi segretamente controllato i vari luoghi urbani osservando se le persone si comportavano in modo diverso quando l’ambiente era stato appositamente reso disordinato. I risultati dello studio hanno sostenuto la teoria. La loro conclusione, pubblicata sulla rivista Science, è che:[2][3]

« Un esempio di disordine, quale i graffiti o i rifiuti, può indubbiamente incoraggiarne altri, come ad esempio il furto. »

Tags:

Comments are closed.