Crea sito

Lecce ed il suo “museo per caso” sulla prima pagina del New York Times

foto

Il New York Times, come altre testate statunitensi ed angolsassoni, pesca ancora al Sud per narrare di cultura, è la volta del Museo Faggiano di Lecce, forse sconosciuto pure ai grandi opinion makers e giornalisti italiani.

La storia la riassume bene la Gazzetta del Mezzogiorno:

Ascanio Grandi, nel centro di Lecce. Si rende subito conto però che c’è qualcosa che non va con le tubature e bisogna scavare. Chiede una mano ai due figli, convinto che si tratti di una scocciatura risolvibile in una settimana di lavoro, ma la realtà va in tutt’altra direzione: emergono da subito oggetti, reperti, testimonianze una dopo l’altra degli strati di storia custoditi nel sottosuolo della Lecce contemporanea.

Un tesoro: tracce risalenti al Medioevo, ma anche una tomba Messapica, quindi una stanza di epoca romana, fino ad un convento di suore francescane. La meraviglia è tale che per giorni i Faggiano continuano a scavare increduli. Fino a quando hanno dovuto ‘cedere’ all’evidenza: la scoperta di una delle più straordinarie testimonianze della ricchezza storica di quell’angolo d’Italia. La creazione del Museo è stata non solo inevitabile, ma necessaria. Luciano Faggiano però ad aprire una trattoria ci pensa ancora.

Così gli americani si dimostrano ancora una volta attenti a questa sorta (per loro) di esotismo tutto meridionale, fatto di misteri, eccellenze agroalimentari ed enogastronomiche e musei che sfuggono alla valorizzazione ed agli investimenti della politica italiana che ancora non realizza (chissà fino a che punto in buona fede) che nella cultura e nelle biodiversità del gusto, risiede l’emancipazione del Sud da “assistenza” ed emergenza cronica.

Tags: , , ,

Comments are closed.