Crea sito

L’insostenibile leggerezza della superficialità (sul tema rifiuti)

di Padre Maurizio Patriciello

Caro direttore, ti prego, porta ancora pazienza  con noi. Ciò che sto per dirti ha dell’incredibile, ma dà la giusta cifra del  pressappochismo, della noncuranza, della davvero singolare  professionalità di alcuni di coloro che, ben  pagati, dovrebbero affrontare e risolvere il dramma della nostra terra.  Domenica scorsa “Il Mattino”, pubblica un’ intervista a Mario De Biase, commissario di Governo delegato per la Resit di Giugliano. De Biase, tra l’altro, afferma: “ Si è parlato dei cavoli ingialliti di Caivano. Hanno detto  perfino che quel colore era dovuto ai rifiuti tossici. Sapete qual è la verità? Erano solo troppo maturi”. Mi rendo conto che quell’enormità che rasenta il  ridicolo potrebbe mettere a rischio la vita dei volontari che vanno per le  campagne fotografando e denunciando e scrivo una lettera aperta al prefetto diNapoli. Sempre da “Il Mattino”, giovedì, apprendiamo che a Giugliano “ nella  zona rossa tra la Resit e le discariche sotto sequestro, non c’è futuro. Parliamo di 20 chilometri quadrati. O di 2600 campi da calcio, come quello  dello stadio San Paolo. Un’area pari a 4 volte la superficie di Posillipo.Dieci volte quella del Vomero”. Parla ancora De Biase e ammette che “realisticamente la bonifica appare impossibile… Stesso discorso vale per le  acque. Un’impresa proibitiva…”. Immagina, direttore, il terremoto emotivo, la  rabbia, la paura, l’angoscia della nostra gente. Giovedì pomeriggio ci portiamo  alla Resit.  Se l’inferno è brutto come  questo luogo, farò di tutto per non andarci e non lasciarci andare nessuno.Incontriamo De Biase. Discutiamo animatamente. Gli chiedo se sa che su quei cavoli furono eseguite analisi che evidenziarono la presenza di metalli pesanti in quantità enormi. Mi spiega candidamente di non avere colpa per le  dichiarazioni rese. Quella notizia, a suo dire, gli fu data “dalla facoltà di Agraria di Portici”. Il ragionamento è semplice e banale: se i cavoli furono  seminati a settembre, è normale che a giugno, oramai marci, assumono il colore giallo, no? Giugno? Rimango   quasi senza fiato: ma che dice, Commissario? “Avvenire” ha pubblicato la foto  di Mauro Pagnano e il mio articolo sui cavoli, il 27 novembre del 2012, almeno  sei mesi prima. Su internet quella foto circola da mesi. Sarebbe bastata una  semplice ricerca prima di parlare a vanvera e gettare lo scompiglio. E  intanto  una notizia come il sequestro  di 20 kmq di terreno a Giugliano ritenuti non più bonificabili, passa quasi  inosservata. No, direttore, ancora non ci siamo. Nelle province di Napoli eCaserta si muore. Al mio paese, Frattaminore, venerdì, sono stati celebrati due  funerali. La causa della morte è sempre la stessa: cancro. Cancro che  uccide. E, oltre al danno, le beffe. Tante  beffe.  Martedì scorso, in Senato, il  dottor Antonio Marfella viene ascoltato in commissione “ Salute”. Lui è uno scienziato serio e preparatissimo,capace di dare lezione a tutti. Ma è anche medico e napoletano onesto,innamorato della sua terra.  Marfella,come tutti noi,  soffre terribilmente  per lo scempio in cui versa la Campania. Non si risparmia. Va  ovunque lo chiamino. Si confronta con  politici, scienziati, giovani, bambini. Non c’è scuola, parrocchia, circolo  culturale che non l’abbia ospitato. Ebbene, a termine della sua esposizione a  Palazzo Madama, una senatrice prende la parola e, incredibilmente,  lo offende dicendo che manca discientificità e  “ parla  con la pancia”. Meglio avrebbe fatto, la  gentilissima signora a dire che “ ha parla con il cuore”. Scienza,  coscienza e cuore non vanno separati. Mai. In caso contrario si costruiscono pericolosissimi mostriciattoli.

Tags: , ,

Comments are closed.