Crea sito

Sanità made in Italy: meno fondi dove si muore prima. Così si beffa la Campania.

La denuncia in un lungo articolo di oggi sulle pagine de Il Mattino, formato da Marco Esposito che ne anticipa i contenuti sul proprio profilo Facebook:

Provo a far chiarezza sulla vicenda dei fondi sanitari. Intanto di che si parla? Dei criteri per il riparto di qualcosa come 109 miliardi di euro (109!).

La formula attuale, inventata da Calderoli nel 2011, prevede un solo criterio: più anziani, più soldi. In Campania, dove si vive due anni in meno, in troppi si ammalano giovani e ciò fa perdere risorse per prevenzione e cure. Una follia che solo la mente cinica di un leghista poteva partorire.

Per il 2015 la musica doveva cambiare. La legge 190/2014 al comma 601 prevedeva nuovi criteri, che tenessero conto per esempio di situazioni specifiche di rischio territoriale come la Terra dei Fuochi.

Perché i nuovi criteri entrassero in vigore, però, serviva l’intesa delle Regioni, con la scadenza del 30 aprile 2015 indicata nella legge. In caso di mancato accordo, valevano le vecchie regole (cioè quelle del leghista Calderoli) anche per il 2015.

Come racconto oggi sul Mattino né il 30 aprile, né nella prima riunione utile dopo il voto del 31 maggio e cioè il 2 luglio, si è trovato l’accordo. Anzi: il Sud non ha neppure avviato la discussione. E così il Veneto, che ha in mano il pallino della sanità regionale, ha avuto buon gioco a far passare con una noticina l’utilizzo anche per il 2015 dei vecchi criteri, danneggiando in modo gravissimo il Sud, Campania in testa.

Danneggiando i cittadini, sia chiaro, perché i governatori vecchi e nuovi avranno sempre una buona scusa per dire che loro non hanno colpa.

Coerente in fondo con le scelte di un governo che ha completamente escluso il Sud dall’agenda degli investimenti.

Tags: , ,

1 comment

  1. […] Provo a far chiarezza sulla vicenda dei fondi sanitari. Intanto di che si parla? Dei criteri per il riparto di qualcosa come 109 miliardi di euro (109!).(continua) […]