Crea sito

Sud, così ricco che pagano tasse più alte…

Vi sembra un controsenso? Nei fatti lo è ed ha le sue ragioni. Chi è lettore assiduo del blog sa che questa notizia l’avevamo in qualche modo anticipata lo scorso inverno: al Sud si pagano più tasse. Al Sud la pressione fiscale è più alta ed alimenta le differenza ed i solchi nel paese.

La rivelazione è nello studio “Le entrate tributarie dei Comuni italiani dal 2007 al 2012: crisi economica, federalismo e Mezzogiorno” di Federico Pica, Andrea Pierini e Salvatore Villani, pubblicato sull’ultimo numero della Rivista Economica del Mezzogiorno, trimestrale della SVIMEZ diretto da Riccardo Padovani.

I territori più ricchi riducono i tributi, mentre i più poveri li aumentano. Nel 2012, a fronte di un reddito di 29.477 euro pro capite, in media ogni cittadino del Veneto ha versato al proprio comune di residenza 532 euro, contro gli oltre 550 di un campano (che però ha un reddito di oltre 13 mila euro più basso). Inoltre dal 2007 al 2012 l’ICI/IMU al Nord è crollata del 39%, mentre al Sud è scesa soltanto dell’1,1%. E al crescere del PIL, per ogni 1.000 euro pro capite in più, il prelievo nei Comuni del Nord si riduce di 28 euro e 30 centesimi, mentre al Sud aumenta di 15 euro e 50 centesimi.

Questo perché al Nord in presenza di una maggiore ricchezza diffusa si possono abbassare le aliquote e ridurre così la pressione fiscale. In parole povere nelle aree più ricche si riduce il carico fiscale, in quelle più povere si aumenta (complici anche i tagli ai trasferimenti dallo Stato centrale a regioni e comuni).

A fronte di servizi più bassi. Di tariffe Rc Auto più alte. Di costo del denaro maggiore. In assenza di trasferimenti perequativi, tutto ciò non aiuta a spezzare il circolo vizioso che da sempre frena lo sviluppo delle aree più povere, anzi, ne accelera il declino.

Ditelo a quelli che non vogliono che arrivino neanche i fondi europei, che, come vi raccontavo due giorni fa, in molti casi, creano prospettive di sviluppo. Le uniche in assenza di investimento privato.

 

 

 

Tags: , ,

Comments are closed.