Crea sito

UNIONE MEDITERRANEA: DIMISSIONI IMMEDIATE DI ROSI BINDI

  
<<Chiediamo le dimissioni immediate della signora Bindi da una carica che dimostra con i fatti di non poter onorare, offendendo la storia di una vera capitale come Napoli e di milioni di napoletani che da anni combattono le mafie in maniera concreta e non per incarico di partito>>: così Enrico Inferrera, Segretario Nazionale di Unione Mediterranea chiede ufficialmente le dimissioni del Presidente dell’Antimafia, dopo le gravissime dichiarazioni rilasciate dalla Bindi.
<< Ancora una volta le personalità che dovrebbero rappresentare lo Stato – tuona Inferrera – dimostrano di non avere alcuna conoscenza del Sud e della storia della città di Napoli. Mi chiedo come può il Presidente dell’Antimafia affermare contenuti così diffamatori e denigratori nei confronti di una città che non si è mai piegata alla malavita e che ha sempre combattuto , con vittime anche eccellenti, la camorra e le mafie. In questi giorni ricorre l’anniversario di Giancarlo Siani, un napoletano morto in nome della verità urlata e non sussurrata. Siamo una capitale per storia, per cultura e per vissuto e pretendiamo di avere un rappresentante nella lotta alla mafia che sia in grado di rispettare tutto ciò. Tra l’altro dichiarazioni come queste non fanno altro che dare forza alla malavita diffondendo l’idea che la battaglia è persa. La signora Bindi scenda nelle strade di Napoli, anche in periodo non elettorale, combatta realmente la malavita accanto alle persone che quotidianamente sono opposizione vera per il malaffare . Siamo stufi di questa politica auto celebrativa, priva di contenuti, assolutamente lontana dal Sud raccontato e sfruttato come colonia, quella stessa terra in cui politici espressione della vecchia partitocrazia come la Bindi sono i principali responsabili di un contrasto alla malavita fatto esclusivamente sulle pagine dei giornali. Per tutta questa serie di ragioni, chiediamo a gran voce le dimissioni della Presidente Antimafia, ritenendo la stessa assolutamente e palesemente incompatibile con il ruolo istituzionale che riveste>>.

Comments are closed.