Acqua maleodorante ed uova alla diossina. Non è la Campania.

Se ci fosse una regola nelle ritorsioni commerciali, le aziende campane oggi, potrebbero sbizzarrirsi.

La Nemesi ha colpito ancora con due notizie al fulmicotone.

La prima: La Conad ritira dal mercato l’ Aqua Minerale Naturale Frizzante Conad Fonte Lieta e al codice L3 289 1, con scadenza 15/10/2014, confezionato per Conad da Nuova S.a.mi.cer.SpA. Fonte Lieta,im Emilia Romagna, per l’esattezza la fonte si trova a Lieta Cervarezza (RE). L’azienda ne ha ritirato un lotto e chiesto ai consumatori di non consumarla per via di odori anomali e sapore sgradevole. Acqua in bottiglia, forse mal conservata e contatto prolungato con la plastica delle bevande confezionate o la cattiva conservazione. O per la fonte da cui provengono. Non si sa.

Così la Conad:

“in data 6 novembre ha attuato in via precauzionale il ritiro dal mercato di un lotto di acqua minerale (Acqua minerale naturale frizzante Conad – Fonte Lieta, Lotto: L3 289 1; Scadenza: 15/10/ 2014; Produttore: Nuova S.a.mi.cer. SpA), avvisando anche i consumatori delle aree interessate. La procedura di ritiro è stata effettuata in tempi molto rapidi, pertanto il lotto da tempo non è disponibile nei punti vendita.

 

L’altra notizia riguarda uova alla diossina:

Uova ‘avvelenate’ nel 76% dei pollai d’allevamento lombardi: e poco importa che siano industriali o artigianali, perché questo è il risultato delle analisi (ancora in corso) effettuate dall’ASL nell’ottica di un completo monitoraggio sugli inquinanti presenti negli alimenti.

Le sostanze da trovare, e poi effettivamente trovate, sono diossina e PCB che non mancano in 23 allevamenti su 30, quelli che al momento compongono il campione già analizzato dall’Azienda Sanitaria Locale della Lombardia.Allevamenti tra Milano e Sesto San Giovanni, Monza e lungo il Lambro, fino alla terra mantovana, e non solo la città ma anche il suo prossimo hinterland, come Marmirolo o Borgoforte. Tassi di diossina superiori al limite europeo di 5 picogrammi per grammo di grasso, e che lanciano dunque un nuovo allarme nella già allarmata Pianura Padana. (fonte today.it)

Sono certo che qualcuno  darà la colpa a magistrati non autoctoni che fanno le indagini.

Com’era quelle cose sulle pummarole prodotte in una specie di giardino dell’Eden?

Precedente Trovata la soluzione per la terra dei fuochi. Bonifiche? No, l'esercito. Successivo Bufala Dop, rigorosamente campana e senza rischi