GEOGRAFIA DISCUTIBILE / Quei calciatori buzzurri cosentini, sull’Aspromonte (?!?)

“Prima gli italiani”, dice , ma quali italiani se manco conoscono la geografia?
Stasera si gioca la semifinale dei play off di Serie C tra Sudtirol e Cosenza. Il giornale locale sudtirolese, l’Alto Adige, scrive: “Un fatto di cui tener conto anche perché il Cosenza non è squadra composta da ex studenti di Oxford ma da giocatori che sanno muoversi nei territori sconnessi e rudi dell’Aspromonte dove le buone maniere non sono proprio di moda. “
 
Insomma la squadra cosentina sarebbe composta, secondo i cronisti dell’Alto Adige, da na’ mandria di bizzarri pastori che giocano a pallone sui pendii dell’Aspromonte e, magari, nel frattempo, giacciono con qualche pecora e perseguono compulsivamente l’abigeato. 
 
A parte i profili di pregiudizio e luogo comune, siamo davvero sconfortati nel far loro notare che Cosenza non c’entra proprio un cazzo con l’Aspromonte.
 
Basta usare le mappe di un qualsiasi motore di ricerca, o anche il vecchio atlante delle scuole elementari per scoprire che….da Cosenza al Parco Nazionale dell’Aspromonte ci sono circa 182 chilometri di distanza. Che giustamente, nell’ottica del cronista sudtirolese, verrano percorsi di giorno a piedi, scalzi da quei buzzurroni dei giocatori del Cosenza. E Heidi, muta!
Precedente ALBERTO ANGELA/ Cara Napoli, ti scrivo