La chiusura dell’Ilva è colpa dell’ecologismo esasperato!

Così Angelo Panebianco, editorialista del Corriere della Sera, nella difesa, a spada tratta, della siderurgia italiana e dei suoi (della siderurgia) “capitani coraggiosi”:

un orientamento anti-industriale, travestito da ecologismo, che punta alla decrescita, alla de-industrializzazione, perché tratta l’industria in quanto tale come una minaccia per l’ambiente. Da utile mezzo per contrastare le esternalità negative (i costi collettivi prodotti dall’inquinamento) l’ecologismo è diventato un’arma ideologica al servizio della mobilitazione anti-industriale (si veda il bel saggio di Carlo Stagnaro sull’ultimo numero della rivista Limes ). Se non fossero stati sostenuti da questa diffusa sindrome anti-industriale, i magistrati di Taranto avrebbero forse attivato, come chiedeva il governo, percorsi dagli esiti meno distruttivi per l’industria italiana.

 

In poche parole, se l’Ilva chiude, in tutta Italia, a causa del casino sollevato dai tarantini, la colpa è dei magistrati che hanno accolto le istanze di chi ha provato ad alzare la voce e ribadire l’insostenibilità ambientale di impianti non a norma (i soldi tra l’altro c’erano ma, secondo la procura di Milano, avrebebro preso altre destinazioni). Questa è l’Italia, signori miei.

La risposta di Pino Aprile, giornalista e scrittore, dal suo profilo Facebook:

L’infamia dell’editoriale del Corriere della sera di oggi: se l’Italia perde la sua siderurgia, non è perché da vent’anni si tenta in tutti i modi di costringere i Riva a rispettare le norme per fare l’acciaio senza ammazzare la gente, mentre portano all’estero i soldi; no, la colpa è della magistratura che pretende di far rispettare la legge!!! Il signor Panebianco, che firma questo editoriale, senza una-parola-una sui Riva, vada a vivere nel rione Tamburi con i suoi cari. E poi scriva un altro editoriale.

 

Il giornalista pugliese, cresciuto a Taranto, già lo scorso Novembre lanciò una provocazione ai Riva e all’allora ministro Clini, per risolvere la questione Ilva:

Far trasferire tutti i “responsabili” (dal ministro Clini ai proprietari dell’Ilva, ai dirigenti, ai politici coinvolti, ai sindacalisti), nella palazzina delle case popolari in cui sono cresciuto io, a Taranto, rione Tamburi: basta attraversare la strada, per essere nello stabilimento siderurgico. Mia madre ha raccolto chili e chili di carbone in polvere, in casa.
Naturalmente, i “responsabili” (in ogni senso…), dovranno risiedere lì finché non avranno trovato una soluzione decente. Dovranno andarci a vivere con mogli, figli, nipoti, con le loro allergie, e nonno asmatico. Con i bambini che non possono giocare (lo vieta un’ordinanza comunale) nei giardini, per strada, causa abnorme tasso di diossina; dovranno mangiare la verdura comprata al mercato rionale, con il dubbio che venga da orti prossimi alla madre di tutti i veleni; dovranno mangiare formaggi e animali che possono aver pascolato lì intorno (centinaia vennero abbattutti, perché avevano carne intossicata).
Precedente Siracusa, alla Esso maxiliquidazione agli operai in cambio del silenzio sulle malattie Successivo Il direttore dell’Agenzia per i beni sequestrati alla mafia: "non ce la facciamo"