La mezza bufala dei treni troppo largi per il metrò di Napoli

 

Da qualche giorno si è diffusa la notizia di treni metropolitani, per la nuova linea 6 della rete di Napoli, che non avrebbero  le dimensioni adatte per i tunnel del tracciato su cui i dovrebbero scorrere.

E giù la ridda di titoli ad effetto e commenti al vetriolo con i soliti commenti delle cose “fatte alla napoletana”.

Alcune testate poi, nel caos della informazione, adducono come problema la larghezza del tunnel. Altri invece la lunghezza.

E’ lo stesso assessore alla mobilità del Comune di Napoli, Calabrese a fare chiarezza:

Le gallerie della linea 6 sono commisurate alla larghezza dei treni, sia quelli già oggi nella disponibilità del Comune sia quelli oggetto delle prossime forniture. Del resto i treni della linea 6 hanno circolato regolarmente dal 2007 al 2013 e quelli oggetto della prossima fornitura hanno la medesima larghezza di quelli attualmente in dotazione. Treni in dotazione da 25 metri, ricordiamolo, sui quali sono già in corso, grazie all’intervento di questa Amministrazione, i necessari interventi di manutenzione.

Questa è lo stato dell’arte che abbiamo trovato e questa Amministrazione, da subito, ha ritenuto discutibili, se non illogiche, le scelte che erano state effettuate che non avrebbero potuto garantire la piena operatività della linea. Si è lavorato duramente per reperire le risorse necessarie alla realizzazione del deposito/officina di via Campegna nonché delle gallerie di collegamento tra quest’ultimo e la stazione Mostra e ciò anche al fine di consentire l’immissione in esercizio di treni metropolitani con lunghezza di 39 metri (secondo gli standard industriali e tecnologici contemporanei). Nuovi treni di cui, ad oggi, non è stata avviata neanche la produzione. E ci si è riusciti destinando a questo progetto parte delle risorse del “Patto per Napoli”. Inoltre la recente Delibera CIPE del 22 dicembre assegna le risorse necessarie al completamento di questo intervento».

In pratica il problema non sussiste perchè i treni che verranno utilizzati possono tranquillamente circolare sul tracciato.

Precedente Noi, in prima classe, in balia degli ultras Successivo EVENTO / La canzone napoletana dal 200 al 700