Parma, La Paz antirazzista”Terrone di m…. nè ora nè mai”

Lettera aperta alle società sportive di Parma, pubblicata da anomalia Parma.org

Da quattro anni la nostra squadra porta in campo e fuori dal campo valori di antirazzismo e antisessismo, contro qualunque pregiudizio atto a ledere la dignità di una persona, al di là della provenienza, del sesso e della religione: per questo innanzitutto abbiamo deciso di iscriverci al campionato della UISP, che nasce da una diversa concezione dello sport, libera da pregiudizi e barriere ideologiche.
Oggi la partita di campionato di calcio a 11 contro lo Sporting S. Leonardo è stata caratterizzata da tensioni, probabilmente dettate dall’ agonismo, ma anche e soprattutto da episodi a forte carattere discriminatorio, fattore che ci ha spinto a prendere la decisione di abbandonare il terreno di gioco.
Andiamo per ordine: la gara, caratterizzata sicuramente non da un bel gioco, ma da tensioni agonistiche dovute alla voglia di vincere la partita, è sfociata in episodi come quello di cui si è reso protagonista il portiere dello Sporting San Leonardo che ha ripetutamente insultato alcuni nostri compagni di squadra e tifosi apostrofandoli con il termine “terroni di merda” . Termine spesso considerato un intercalare goliardico, ma che in realtà per noi è una vera e propria offesa, una parola che in un passato non troppo

lontano veniva usata per discriminare e offendere intere comunità di migranti del sud Italia e che oggi rievoca un malato sentimento di superiorità e di chiusura nei confronti di chi decide di spostarsi per necessità, siano essi del sud italia venuti al nord per cercare di sfuggire ad una precarietà esistenziale, o del sud del mondo, spinti dal sentimento di sopravvivenza, in fuga da guerre e devastazioni ambientali, affrontando viaggi odisseici mettendo a rischio la propria vita, alla ricerca di un futuro migliore.
Il nostro gesto di abbandonare il campo potrebbe essere visto come un’ estremizzazione della cosa o come vittimismo, ma crediamo che ogni qualvolta ci saranno episodi come quello di oggi, che vanno contro i nostri principi e contro i principi di una società pronta all’ immeticciamento, prenderemo le dovute distanze e abbandoneremo il terreno di gioco.

La Paz! antirazzista

Precedente Parma, La Paz antirazzista"Terrone di m.... nè ora nè mai" Successivo Terra Mia: dalla protesta alla proposta...ecologica ed enogastronomica