Crea sito

Sud sprecone nelle opere pubbliche incompiute? Guardiamo i dati

Sul rotocalco online, Identità Insorgenti, dove ogni tanto potete trovare anche qualche contributo del sottoscritto, Lorenzo Piccolo evidenzia quanto il problema dello spreco di denaro per opere pubbliche incompiute, riguarda tutta la penisola e non come sovente si ricorda, il solo Sud:

Da circa tre anni esista presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti un elenco-anagrafe nazionale delle opere pubbliche incompiute, previsto dall’articolo 44-bis del D.L. 201/2011, il cosiddetto “Salva-Italia”, poi convertito in legge 214/2011. Benché si tratti di un sistema di raccolta dati ancora in fase di rodaggio nonostante i tre anni già trascorsi, si tratta pur sempre di dati ufficiali di cui un membro del governo dovrebbe tener conto prima di aprir bocca.

Leggendo l’ultimo report disponibile, risalente ad Agosto 2014, si apprende che le cosiddette opere incompiute sono in numero di poco inferiori a 700, con un danno erariale complessivo di circa 4 miliardi di euro, comprensivo sia dei soldi già spesi che degli ulteriori fondi che sarebbero necessari per completarle. Il ministero le ha suddivise in due gruppi, quelle di ambito regionale-locale e quelle di ambito nazionale.

su un totale di 624 cantieri non ultimati, corrispondenti ad un danno erariale di 3.386 milioni, nelle regioni meridionali se ne contano 255, il 41%, per un danno di 1.179 milioni, ovvero il 35%. Al centro-nord invece si arriva a quota 369 (59%), con un danno di 2.207 milioni (65%).
Ben peggiore, per il nord beninteso, è la situazione relativa alle cosiddette opere di interesse nazionale, dove le cifre investite sono ben più consistenti, e guarda caso la padania la fa da padrona sia per numero di cantieri aperti sia per l’ammontare dei fondi impegnati. Su 37 opere non ultimate costateci uno spreco di 745 milioni, al Sud se ne contano 11, il 30%, con una perdita di 260 milioni, ovvero il 35%. Il centro-nord tocca invece quota 26 opere incomplete (70%), con un danno di 485 milioni (65%).

Tags: , ,

Comments are closed.