Rifiuti sepolti: dallo scavo emergono fanghi e mercurio

Proseguono le attività di scavo a Casal di Principe. In un’area piuttosto circoscritto, stanno venendo fuori fanghi e materiale ferroso probabilmente scarti del settore siderurgico.

L’Arpac, intanto, sta prelevando campioni per analizzarli.

C’è preoccupazione tra la popolazione soprattutto per la vicinanza delle scorie alle falde acquifere, per questo si va verso l’ordinanza che sospende l’utilizzo dei pozzi d’acqua, a scopi precauzionali.

Insomma, “grazie” a qualche collaboratore di giustizia, sta venendo fuori la merda che abbiamo respirato, mangiato e bevuto per venti anni e forse più. E siamo solo all’inizio.

Inoltre, dal 2012 ad oggi, oltre 6000 roghi hanno infestato l’aria che respiriamo. E c’è ancora chi invoca “dati certi e nesso di causalità”.

L’articolo de Il Mattino:

Rifiuti sepolti: dallo scavo emergono fanghi e mercurio. Allarme falde contaminate.

Precedente Il Censis ha pubblicato alcuni dati sulla Campania: bene la propensione alla denuncia e alla tutela del bene comune Successivo Roberto Saviano scrive a Padre Patriciello